Puglia

fluxus

GALLIPOLI
Perla dello Jonio è Gallipoli, l’antica “Kalè Polis”, città bella, che la leggenda vuole sia stata costruita da re Idomeneo. Centro turistico internazionale, Gallipoli è costruita da un antico borgo situato su un isolotto difeso  da un castello e collegato con la terraferma da un ponte che conduce alla città nuova. L’antico maniero ha tre torrioni e il rivellino circolare.

Da non perdere la Cattedrale di Sant’Agata, uno dei massimi esempi del barocco salentino ma con la particolarità dell’uso del carparo, pietra assai meno morbida e friabile della pietra leccese, che attribuisce alla facciata un colore rosa scuro e con all’interno tele del Seicento e del Settecento napoletano e locale. Come da ammirare è la Chiesa di San Francesco d’Assisi dove vi sono le statue lignee di Misma e Disma, il cattivo e il buon ladrone. Tutto questo è solo un assaggio di ciò che vi può offrire una passeggiata all’interno dei viottoli del centro storico della cittadina.

OTRANTO
Attraversata dal fiume Idro e bagnata da un mare straordinariamente limpido tra scogliere a strapiombo, suggestive insenature e lunghi tratti di costa bassa e sabbiosa  questa località è considerata tra le più belle di tutta la Puglia e non solo.

Otranto, la città più orientale d’Italia, la città degli 800 martiri simbolo di fede, con le sue chianche incastonate nelle stradine che richiamano quelle turche, i suoi bastioni, la cattedrale, lo splendido castello aragonese, oggi come ieri affascina e cattura il visitatore. L’antica Hydruntum si presenta come un miraggio fuori dal tempo, una labirintica città – fortezza affacciata a strapiombo su un mare cristallino. Passeggiando tra le vie del centro è impossibile non lasciarsi sedurre da questa cittadina dove si avvertono ancora le tristi vicende dei martiri trucidati i cui resti sono custoditi nella splendida cattedrale dedicata all’Annunziata, un maestoso esempio di romano gotico con sovrapposizioni rinascimentali e barocche . Pochi passi ed ecco la chiesa di san Pietro, meraviglia bizantina del X – XII secolo, a croce greca con tre navate e quattro colonne. Ancora pochi metri ed ecco ergersi il castello con la cinta muraria con i bastioni.

Pages: 1 2 3